Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Sab Lug 21 @07:00 -
PELLEGRINAGGIO SOCCORSO
Ven Ago 03
I VENERDI DEL MESE
Mer Ago 08 @17:30 -
DUOMO COMO
Mar Ago 14
MESSE PRE-FESTIVE
Mer Ago 15
SOLENNITA' ASSUNTA
Gio Ago 16
SAN ROCCO

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home
Auguri di Buona Pasqua
Scritto da Davide Della Torre   
Sabato 23 Aprile 2011 10:11

crocifissione"Fissiamo il nostro sguardo su Gesù crocifisso e

chiediamo nella preghiera:

illumina il nostro cuore,

fa morire in noi l'uomo vecchio legato all'egoismo,

al male, al peccato.

Rendici uomini nuovi,

uomini e donne trasformati, animati dal tuo amore"

Benedetto XVI, via Crucis del 22/04/2011

 

 

 

Auguri di

Buona Pasqua a tutti!!!

Ultimo aggiornamento Domenica 01 Maggio 2011 15:50
 
Commento al Vangelo del 10/04/2011
Scritto da don Antonio   
Lunedì 11 Aprile 2011 07:29

Lazzaro vieni fuori. Il racconto di Giovanni che narra la malattia, la morte, la fitta interazione tra Gesù, gli apostoli e le sorelle di Lazzaro, Marta e Maria e infine la risurrezione dell’amato amico, trova in questo grido il suo culmine più alto. Questa malattia non porterà alla morte aveva dichiarato Gesù. Il suo comportamento non è retto da una logica umana ma da una misteriosa certezza che la morte non è l’orizzonte ultimo di questa malattia di Lazzaro. Ogni miracolo dice una verità. Questo miracolo è una catechesi su Dio che qui si rivela come “vita”  Io sono la risurrezione e la vita. Gesù è la vita. Il miracolo dice un ritorno alla vita. La nuova vita non è semplicemente un ritorno alla vita dopo la morte. La nuova vita è una vita/Gesù, è la traduzione nell’umano di Dio che si rivela “vita”. Il miracolo della risurrezione di Lazzaro diventa parabola del passaggio da una vita che è identificata con la morte perché assenza di Dio ad una vita che è pienezza di vita perché vita/Dio. E’ un anticipo, più giocato su un registro umano, di quella pienezza che sarà la Pasqua, la vita nuova nel Signore risorto. Il Dio della vita,  il Dio/vita dicono l’importanza della vita nella sua quotidianità come spazio religioso dell’incontro tra Dio e l’uomo.. Si vive se si vive in Dio, illuminati dalla sua Parola, essendo amore perché lui è Amore. La frase da vivere è Lazzaro vieni fuori. Dio ci chiama ad uno ad uno a venire fuori dalla vita vecchia, senza o povera di Dio per vivere una vita/Gesù.

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Aprile 2011 14:13
 
Commento al Vangelo del 03/04/2011
Scritto da don Antonio   
Lunedì 04 Aprile 2011 08:53

Gesù guarisce il cieco nato per compiere le opere di colui che mi ha mandato. Egli dice di sé : E’ per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano, e quelli che vedono diventino ciechi . Qui si sta parlando di un “vedere” in Dio. Per vedere ci vogliono due cose: gli occhi e la luce. Il cieco nato ha occhi nuovi perché ha ascoltato la parola di Gesù. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. La luce non manca: Io sono la luce del mondo. Così attrezzato egli può fare radicalmente l’esperienza della fede di fronte a Gesù che gli chiede: Credi nel Figlio dell’uomo? Il suo “sì” è semplice e totale: Credo, Signore! Anche l’impianto letterario del brano ha una valenza teologica. Da una parte la semplicità e la stringatezza del racconto del miracolo, dall’altra la lungaggine infinita delle diatribe dei farisei. La fede è semplice. Il trovare un surrogato della fede dove le proprie idee diventano il senso  ultimo della vita è un’operazione complessa e destinata a fallire. Il brano ci insegna l’esperienza della fede che è l’esperienza di Gesù. Gesù è la luce, la verità che ci illumina, un contenuto dottrinale che viene da Dio, una parola pronta per essere tradotta in vita. Gesù però, attraverso i sacramenti,  è anche  una presenza di grazia nella nostra vita che crea una sintonia profonda tra il Dio della verità e il Dio che sta dentro di noi. Questo impianto di grazia è la premessa e la condizione della fede.

Come il cieco nato proviamo a dare un senso nuovo alla vita facendo l’esperienza radicale della fede che vuol dire lasciare che la Parola illumini ogni attimo della nostra esistenza. La frase da vivere questa settimana è: Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Aprile 2011 14:14
 
Robin Hood a Cernobbio!!!
Scritto da Davide Della Torre   
Martedì 29 Marzo 2011 07:17

Robinq

“Robin Hood e Little John

van per la foresta

ed ognun con l'altro   

ride e scherza come vuol. 


Son felici del successo 

delle loro gesta 

Urca urca tirulero 

oggi splende il sol!„

 

 

 

 

Sabato 2 e domenica 3 aprile alle ore 21   presso il teatro dell'oratorio

di Cernobbio. I ragazzi della  Comunità Pastorale

della Madonna del Bisbino porteranno in scena

 

“Robin Hood”

 

Siete tutti invitati!!!

Ingresso libero.

Ultimo aggiornamento Domenica 01 Maggio 2011 15:52
 


Pagina 207 di 225

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.