Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Sab Mar 21 @16:00 -
0-6 ANNI

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home
la PAROLA 19 GENNAIO 2020
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 20 Gennaio 2020 09:55

II DOMENICA T.O.  – 19 gennaio 2020

Dal Vangelo secondo Giovanni 1, 29-34
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: "Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me". Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell'acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell'acqua mi disse: "Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo".              E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

LA PAROLA DA VIVERE proposta dai nostri sacerdoti

“E IO HO VISTO E HO TESTIMONIATO"

Nel Vangelo di oggi Giovanni, che indica Gesù come l'agnello di Dio, per ben due volte ci tiene a precisare che lui non conosceva Gesù. Solo dopo aver visto quello che Dio gli aveva preannunciato (Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito), il Battista diventa testimone.

L'esperienza di Giovanni ci insegna alcuni elementi fondamentali dell'esperienza di fede di ogni persona.

Per conoscere Gesù si deve incontrarlo personalmente, si deve fare esperienza di Lui e l'incontro può avvenire solo se c'è una fiducia preventiva.

Giovanni si fida delle parole di chi lo ha inviato e quando vede accadere quello che gli era stato preannunciato, crede e da testimonianza.

Possiamo fare nostra questa preghiera di Flannery O'Connor, una scrittrice americana cattolica morta molto giovane nel 1964 per una grave malattia neurologica allora incurabile.

" Caro Signore, per favore fa che io Ti voglia. Sarebbe la più grande beatitudine. Non solo desiderarTi quando Ti penso, ma volerTi sempre, pensarTi sempre, avere il desiderio di Te che mi guida… Un desiderio c'è, ma è astratto e freddo… Oh Signore ti prego di rendere vivo questo desiderio di vita, vivo nella vita, vivo nella sofferenza che probabilmente dovrà vivere…. Signore sostienimi".

"Diario di preghiera" - 23 settembre 1947

Il Signore ci aiuti ad avere fiducia, ad avere sempre il desiderio di Lui, per poterlo incontrare realmente.

 
AVVISI BVB
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 13 Gennaio 2020 09:04

LUNEDI’ 13 GENNAIO:

ore 19.00 a Maslianico è convocato il Consiglio Pastorale comunitario

 

MERCOLEDI 15 GENNAIO:

oratorio di Cernobbio ore 21.00 riprende la lettura commentata del Vangelo di Marco a cura di don Stefano.

Le date successive: mercoledì 29 gennaio e 12 febbraio

 

GIOVEDI 16 GENNAIO:

riprende l’ora settimanale di Adorazione Eucaristica; questo giovedì ritrovo presso la chiesa di Piazza ore 20.30/21.30

 

SABATO 18 GENNAIO:

pellegrinaggio vocazionale mensile al SOCCORSO; ritrovo ore 7.00 alla prima cappella della salita al Santuario.

 

VENERDI’ 17 GENNAIO SANT’ANTONIO ABATE:

BENEDIZIONE DEI VEICOLI:

  • Venerdì 17  a  MASLIANICO  ore  7.45/ 9.00 – ore 11.30/12.30 – ore 18.00
  • domenica 19  a PIAZZA ore 11.45 al termine della messa
Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Gennaio 2020 09:04
 
SINODO DIOCESANO
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 13 Gennaio 2020 09:02

PREGHIERA DEI FEDELI PER L’APERTURA DEL SINODO DIOCESANO

Perché il Sinodo diocesano ci conduca ad accogliere sempre più profondamente Gesù Cristo e ci spinga ad annunciare con gioia la presenza di Colui che si è fatto nostro fratello, preghiamo.

 
la PAROLA 12 GENNAIO 2020
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 13 Gennaio 2020 09:01

BATTESIMO DEL SIGNORE – 12 gennaio 2020

Dal Vangelo secondo Matteo   3,13-17
In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

LA PAROLA DA VIVERE proposta dai nostri sacerdoti

“VOLEVA IMPEDIRGLIELO”

La frase che vi proponiamo questa settimana è riferita alla reazione di Giovanni Battista quando si trova davanti Gesù, che si vuole battezzare.

Chiaramente vuole impedire che Gesù compia un gesto penitenziale di cui non ha bisogno; questo atteggiamento del Battista diventa paradigma di come generalmente noi uomini ci poniamo davanti a Dio, e cioè vorremmo che lui si rivelasse come lo abbiamo in testa noi.

Aprirsi a Dio, significa accettare che lui si manifesti così come egli è ed accogliere la sua identità che ci sorprende, così come ben descritto in questo testo di un monaco Cistercense.

 

"… Il lavoro che ci è chiesto, la conversione che ci è domandata, è allora di riconoscere Cristo. Di stare nel corpo della Chiesa riconoscendo Cristo che è nel seno del Padre, volgendoci ad ascoltare i battiti segreti del suo cuore… Riconoscere Cristo è la corrispondenza essenziale al suo mistero così come irrompe nella nostra vita… Riconoscere Cristo è una vigilanza che ci è domandata continuamente perché la Sua rivelazione, la Sua manifestazione sono una sorpresa continua permanente, che riaccade nel tempo, nelle pieghe del tempo, come la sorpresa per una Presenza permanente."

                                                                                   “Riconoscere Cristo misericordia del Padre” di padre Mauro Lepori

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Gennaio 2020 09:01
 


Pagina 10 di 282

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.