Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Nessun evento

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home
la PAROLA 17 MAGGIO 2020
Scritto da segreteria BVB   
Venerdì 15 Maggio 2020 15:42

VI DOMENICA DI PASQUA – 17 maggio 2020
Dal Vangelo secondo Giovanni 14, 15-21

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui».

LA PAROLA DA VIVERE PROPOSTA DAI NOSTRI SACERDOTI

“VOI LO CONOSCETE PERCHÉ EGLI RIMANE PRESSO DI VOI E SARÁ IN VOI”

Nel brano di Vangelo di questa domenica è esaltata la comunione, la presenza reale presso l’altro, nell’altro.

La comunione della Trinità, tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, al quale siamo invitati anche noi.

Questo è il senso e il centro della vita cristiana: la comunione con Dio.

La presenza dello Spirito Santo in noi, può diventare la “Ragione di vivere” in qualsiasi circostanza della vita.

Per decidere se continuare a vivere su questa terra/ con questo cuore che batte all’impazzata tra luce e tenebre/ per continuare a camminare sotto il sole in questi deserti/ per far notare che sono vivo in mezzo a tanti morti/ Per decidere, per continuare, per sottolineare e considerare/ ho solo bisogno che tu sia qui con i tuoi begli occhi (...) Per unire la bellezza e la luce mantenendo la distanza/ Per stare con te senza perdere l’emozione della nostalgia./ Per scoprire che la vita scorre senza chiederci nulla./ E considerare che tutto è bello e non costa nulla/ Per unire, per stare con te, per scoprire e considerare/ ho solo bisogno che tu sia qui con i tuoi begli occhi

Dalla canzone “Ragione di vivere” di Victor Heredia

 
AGGIORNAMENTO 09.05.2020
Scritto da segreteria BVB   
Venerdì 08 Maggio 2020 09:40

AGGIORNAMENTO 09.05.2020

MESE DI MAGGIO

su canale YouTube “don Alessio Gandola” trasmetteremo in diretta:

üTUTTI I VENERDI’ ore 20.45 il S. ROSARIO girando per le chiese delle nostre parrocchie.

FUNERALI

Dal 4 maggio, secondo quanto deciso dalla Cancelleria diocesana in seguito all’ultimo D.P.C.M., sono possibili le cerimonie funebri.

I familiari, in accordo con don Stefano, potranno decidere il luogo:

-per il comune di Cernobbio o presso la chiesa del Redentore o presso i cimiteri di Piazza, Rovenna, Casnedo

-per il comune di Maslianico o presso la chiesa di S. Ambrogio o presso il cimitero.

In tutti i casi, la partecipazione è consentita a un massimo di 15 persone indicate dalla famiglia, muniti di appositi dispositivi di protezione.

CELEBRAZIONI

Il prossimo fine settimana saremo in grado di fornire informazioni sulla ripresa delle messe e sulla celebrazione dei sacramenti del battesimo e matrimonio.

 
LA PAROLA 10 MAGGIO 2020
Scritto da segreteria BVB   
Venerdì 08 Maggio 2020 09:38

V DOM DI PASQUA – 10 maggio 2020
Dal Vangelo secondo Giovanni 14,1-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: "Vado a prepararvi un posto"? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via". Gli disse Tommaso: "Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?". Gli disse Gesù: "Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. ……….."

LA PAROLA DA VIVERE PROPOSTA DAI NOSTRI SACERDOTI

“E DEL LUOGO DOVE IO VADO, CONOSCETE LA VIA”

Nell’ultima cena Gesù rivela che sta tornando alla casa del Padre e rassicura i suoi discepoli sul fatto che loro conoscono la strada per arrivarci. Questa affermazione di Gesù provoca dei dubbi tra i dodici, che vengono esplicitati da Tommaso e Filippo: dove va Gesù? qual è la via? chi è il Padre di cui parla e come possiamo conoscerlo?

Gesù risponde che attraverso la sua umanità noi possiamo conoscere il Padre perché sono una cosa sola, che la sua persona è via, verità e vita.

Elemento fondamentale del cristianesimo è l’umanità di Gesù, la sua persona è la strada sicura per essere salvati, per ricevere la vita eterna, per conoscere Dio e trovare la pace.

Ciò che occorre è un uomo

non occorre la saggezza,

ciò che occorre è un uomo

in spirito e verità;

non un paese, non le cose

ciò che occorre è un uomo

un passo sicuro e tanto salda

la mano che porge, che tutti

possano afferrarla, e camminare

liberi e salvarsi.

Dal definitivo istante di Carlo Betocchi

 
la PAROLA 3 MAGGIO 2020
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 04 Maggio 2020 09:44

IV DOM DI PASQUA – 3 maggio 2020
Dal Vangelo secondo Giovanni 10,1-10
In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei».  Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato…..».

LA PAROLA DA VIVERE PROPOSTA DAI NOSTRI SACERDOTI

“SE UNO ENTRA ATTRAVERSO DI ME, SARÁ SALVATO”

Questa domenica la Chiesa ci propone la bellissima figura del buon pastore; Gesù è il buon pastore che conosce le sue pecore, le conduce chiamandole per nome e dona la vita per loro.

In questo brano di Vangelo, però, ci sono anche delle espressioni riferite a Gesù che facciamo più fatica ad accettare con il modo di pensare che abbiamo oggi.

Gesù afferma di essere anche la porta del recinto delle pecore e dice che solo chi entra attraverso di lui sarà salvato.

Cosa ne è della nostra libertà? È davvero un rapporto d’amore quello costruito su questi presupposti?

Ho trovato molto interessante questa riflessione di padre Mauro Lepori abate generale cistercense.

“(...)La libertà non si gioca mai nel potere che abbiamo, o nel cambiare le circostanze, ma nel modo con cui ci poniamo di fronte a esse. (...)Spesso anche noi siamo tentati di vivere la fede così. Invece la libertà che ci dona la fede in Cristo, non è tanto un potere sulle circostanze, ma la grazia di poter vivere in esse il rapporto con Dio. (...) Una conversione del cuore, che ritorni a vedere la realtà per quello che è: che è fatta e donata gratuitamente da un Altro. A cominciare da se stessi.”

 


Pagina 8 di 292

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.