Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Mar Dic 26
SANTO STEFANO
Mer Dic 27
SAN GIOVANNI
Gio Gen 04 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 06
BENEDIZ BAMBINI
Gio Gen 11 @20:45 -
PREGHIERA VICARIALE
Dom Gen 14 @15:00 -
ASSEMBLEA COMUNITARIA
Mer Gen 17
BENED. AUTO
Gio Gen 18
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 20
SOCCORSO
Lun Gen 22
SAN VINCENZO

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home

la PAROLA 15 OTTOBRE 2017

Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 16 Ottobre 2017 08:59

"La sala delle nozze si riempì di commensali"    XXVIII DOMENICA T.O.
Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 22, 1-14)
La parabola del banchetto di nozze pone ancora al centro il tema del rifiuto di Dio da parte del suo popolo. Alcuni particolari lo evidenziano: l'uccisione dei servi del re, apparentemente esagerata nel racconto, richiama l'uccisione degli antichi profeti di Israele, e l'incendio della città degli invitati renitenti, ai primi ascoltatori di Matteo doveva subito far pensare alla distruzione di Gerusalemme ad opera dei Romani nel 70 d. C. Tuttavia, quella raccontata da Gesù è una storia che si ripete. Le nozze del figlio del re rappresentano un evento importante e l'invito ad esse costituisce di sicuro un onore invidiabile, anche se spesso, e in verità in modo assai curioso, viene disatteso. L'invito di Dio a essere in festa con Lui cade nel vuoto. Ma la lieta notizia è che il re, a questo punto, chiama tutti alla festa (Matteo specifica "buoni e cattivi"): è il segno dell'assoluta universalità della chiamata di Dio alla salvezza. Dio chiama tutti, proprio tutti, a entrare nel suo amore e la Chiesa deve essere strumento di questa universalità. L'invito, però, esige decisione, prontezza nell'accoglierlo, e conversione: l'abito nuziale che occorre indossare indica che bisogna prendere coscienza dell'invito e adeguarvisi.
La sala piena di commensali è motivo di speranza per tutti.

 

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.