Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Mar Dic 26
SANTO STEFANO
Mer Dic 27
SAN GIOVANNI
Gio Gen 04 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 06
BENEDIZ BAMBINI
Gio Gen 11 @20:45 -
PREGHIERA VICARIALE
Dom Gen 14 @15:00 -
ASSEMBLEA COMUNITARIA
Mer Gen 17
BENED. AUTO
Gio Gen 18
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 20
SOCCORSO
Lun Gen 22
SAN VINCENZO

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home

la PAROLA PASQUA 2017

Scritto da segreteria BVB   
Martedì 18 Aprile 2017 10:46

"E vide e credette"  PASQUA DI RISURREZIONE
Dal Vangelo secondo Giovanni 20, 1-9
La corsa al sepolcro di Pietro e di Giovanni ("il discepolo che Gesù amava") è un gesto umanissimo, che racchiude timori e speranze di quegli apostoli ma anche di tutti noi.
In questo brano ricorre più volte, in poche righe, il verbo "vedere": Maria Maddalena vede la pietra tolta dal sepolcro, Giovanni in un primo tempo vede dall'esterno della tomba i teli posati da parte, Pietro entra e può vedere anche il sudario e, infine, Giovanni entra a sua volta e di lui si dice che "vide e credette". Non è precisato a cosa si riferisca quel "vide", se ai teli ripiegati e al sudario o a ciò che manca, al corpo di Gesù: certo è che l'espressione indica una capacità di leggere, di interpretare la realtà, di guardarla in modo pieno. Non è indifferente che questo avvenga da parte del discepolo che Gesù amava, quasi a indicare che la pienezza dello sguardo umano risiede nell'amore. Sembra esserci dunque un crescendo di quel "vedere", fino al compiersi di una realtà umana e naturale che approda a quella altrettanto umana e soprannaturale della fede.
La corsa e l'ingresso nel sepolcro segnalano la necessità di un movimento da parte dell'uomo, chiamato a uscire da sé e ad andare, a entrare fino in fondo in quella tomba, simbolo dei nostri dolori e delle nostre sconfitte, per scoprirvi la vittoria di Cristo. La nostra vittoria.

 

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.