Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Gio Mar 14 @20:45 -
VESPRO VICARIALE
Ven Mar 15 @21:00 -
I° QUARESIMALE
Sab Mar 16 @07:00 -
PELLEGRINAGGIO SOCCORSO
Dom Mar 17 @16:00 -
CONCERTO
Mar Mar 19
SAN GIUSEPPE
Gio Mar 21 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Ven Mar 22 @08:00 - 05:00
II° QUARESIMALE
Gio Mar 28 @21:00 -
III° QUARESIMALE
Ven Apr 05 @21:00 -
IV° QUARESIMALE
Ven Apr 12 @21:00 -
V° QUARESIMALE

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home

la PAROLA 3 FEBBRAIO 2019

Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 04 Febbraio 2019 09:32

IV DOMENICA T.O. - 3 FEBBRAIO 2019
Luca 4,21-30  Non è costui il figlio di Giuseppe?
Il brano esplora il rapporto tra l'umano e il divino. Il fatto che Gesù sia il figlio di Giuseppe ( una persona normale, conosciuta da tutti) non è un buon viatico per fondare la messianicità di Gesù. Gesù invece chiarisce che questa logica caratterizza da sempre l'azione di Dio. Come la storia sacra insegna (vedova di Sarepta, Naaman il Siro ) Dio ha interagito anche con persone che non appartenevano neppure al popolo di Dio.
Gesù ci sta dicendo che l'amore di Dio non guarda la miseria dell'uomo. Anzi quanto più l'uomo è povero e bisognoso tanto più è oggetto dell'attenzione e dell'amore di Dio. Il brano è un invito da una parte a non sentire le nostre miserie e i nostri peccati come una esclusione dall'amore di Dio, dall'altra ci insegna che anche gli altri, ciascuno con il proprio limite, sono graditi a Dio. Il Dio che si è fatto uomo rivaluta l'umanità come passaggio fondamentale dell'esperienza religiosa.
Fare l'uomo come l'ha fatto Gesù dice già una quota fondamentale dell'essere discepoli.
Non è costui il figlio di Giuseppe?

 

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.